Accertamenti della sicurezza post contatore

Con la Delibera 40/04 l’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas ha previsto per le società di distribuzione di GPL l’obbligo di accertamento documentale su tutti gli impianti dei clienti finali, inclusi quelli in servizio.

A partire dal 1 Aprile 2007, ogni volta che chiedono al distributore l’attivazione del servizio, i clienti finali devono consegnare i moduli H e I (e le informative F e G) correttamente compilati ai fini dell’accertamento: in caso di esito positivo si potrà aprire il contatore del cliente, il quale avrà l’obbligo di inviare entro 30 giorni la Dichiarazione di Conformità dell’impianto firmata dall’installatore, in caso di esito negativo dovrà essere presentata una nuova richiesta di attivazione.

Nei prossimi anni (decorrenza ancora da definire) entrerà in vigore l’obbligo di accertamento anche sugli impianti modificati o riattivati (prevedendo comportamenti diversi a seconda che l’impianto interno sia stato modificato senza sospensione, attivato dopo essere stato alimentato con altro gas, riattivato dopo sospensione per modifica, per pronto Intervento, per richiesta dell’Ente Locale competente o per subentro non immediato), e sugli impianti d’utenza già in servizio.